top of page

Design

URBANDROP

drop_01.jpg

CONCEPT

Sempre più al giorno d’oggi si avverte la necessità di caratte­rizzare l’allestimento e l’arredo urbano in modi sempre nuovi e sempre più personali. L’obiettivo certamente quello di non for­nire soltanto servizi per l’espletamento di determinate funzioni ma anche e soprattutto forme, che possano non solo rendere l’oggetto unico ma anche permettere alla popolazione di affe­zionarvisi.

Questa è una tendenza che sempre più si fa strada nelle città dove col trascorrere dei decenni lo spazio per il trascurato e per il non-rifinito si riduce a dismisura, creando centri storici simili a veri e propri gioielli d’arte, mista storica, moderna e più che mai contemporanea.

È importante dunque che la richiesta di una proposta costrutti­va per la creazione del punto di distribuzione dell’acqua, fatta dal Comune di Firenze, si inserisca più che mai all’interno della premessa che ha aperto questo contributo testuale.

UrbanDrop infatti è più di un oggetto, più di un arredo urbano. Si inserisce nel contesto che lo circonda in modo armonioso, aggiungendo valore e non sottraendo spazio. L’iconica forma della goccia che lo caratterizza, portata ad una dimensione am­piamente fuori misura, riporta immediatamente la nostra men­te ad un’associazione di idee legata al mondo dell’acqua. La superficie laterale inoltre, in resina retroilluminata (i led a cui si deve la retro-illuminazione sono alimentati a batteria), è ca­ratterizzata dalla presenza di vere e proprie bolle d’aria che ci danno l’impressione non solo che la goccia sia davvero piena ma che l’acqua al suo interno sia in movimento.

L’oggetto diventa perciò un vero e proprio ornamento urbano, superando la propria funzione per sublimare la propria forma, divenendo parte integrante degli spazi cittadini.

drop_04.jpg
drop_03.jpg
bottom of page